Il nuovo modello di successione e domanda volture catastali

Esaminiamo il nuovo modello successione telematico

Modello successione telematico: Dal 23 gennaio 2017, sarà operativo il nuovo modello di dichiarazione di successione e voltura catastale. Rispetto al suo predecessore (modello 4), si notano parecchie differenze. Assomiglia più al modello 730, per conformazione e dati da inserire. Quindi a prima vista sembrerebbe più articolato e probabilmente lo è.

L’ utilizzo del modello di successione telematico, dovrebbe semplificare la vita del contribuente. L’ utilizzo del nuovo modello, permetterà l’ invio della dichiarazione di successione, per via telematica e consentirà, volendo la presentazione della voltura catastale automatica. Per chi lo volesse, sarà comunque, sempre possibile, presentare la successione presso gli uffici dell’ agenzia delle entrate.

I quadri che compongono il nuovo modello di successione

Dimentichiamoci dei vecchi quadri che componevano il vecchio modello 4 e cerchiamo di imparare i nuovi, che vanno a costituire il nuovo modello. Come dicevo sopra, la nuova documentazione è più articolata e presenta più pagine e quadri. Di seguito andiamo ad elencarli brevemente.

  1. Dati generali
  2. Quadro EA
  3. Quadro EB
  4. Quadro EC
  5. Quadro ED
  6. Quadro EE
  7. Quadro EF
  8. Quadro EG
  9. Quadro EH
  10. Quadro EI
  11. Quadro EL
  12. Quadro EM
  13. Quadro EN
  14. Quadro EO
  15. Quadro EP
  16. Quadro EQ
  17. Quadro ER
  18. Quadro ES

Come potrete notare, rispetto al vecchio modello 4, esistono molti più quadri. Col tempo si capirà, se il nuovo modello sarà più semplice o meno per il contribuente.

Ambito di applicazione del nuovo modello di successione

Il nuovo modello verrà utilizzato a partire dal 23 gennaio 2017. Si potrà utilizzare anche per quelle successioni apertesi a decorrere dal 03 Ottobre 2006 e quindi non ancora presentate. Per successioni, la cui data di morte è antecedente a tale data, si continuerà ad utilizzare il vecchio modello. Anche per eventuali successioni integrative, sostitutive o modificative, di una successione, già presentata col vecchio modello, si dovrà utilizzare il vecchio procedimento.

Presentando la dichiarazione di successione col nuovo modello telematico, sarà possibile, volendo, eseguire la voltura catastale automatica, evitando dunque di predisporre apposita pratica, cosi come si fa attualmente. Praticamente, presentando la dichiarazione di successione, automaticamente si potrà effettuare anche l’ aggiornamento della ditta catastale. Questo eviterà al contribuente di recarsi al catasto per effettuare questa operazione.

Si continuerà, invece, a presentare la voltura catastale, con le solite modalità, per quegli immobili ricadenti nei territori italiani, dove vige il libro fondiario.

Come si presenta il modello telematico per successione

Il modello di dichiarazione di successione e volture catastali, potrà essere inviato per via telematica, direttamente dal contribuente se registrato a fisco online, oppure tramite intermediario abilitato. Ancora, la dichiarazione di successione potrà essere presentata, direttamente presso gli uffici dell’ agenzia delle entrate competente.

Per i contribuenti, residenti all’ estero, se impossibilitati ad utilizzare l’ invio telematico, potranno spedire la dichiarazione mediante raccomandata o altro mezzo equivalente. Dovrà risultare con certezza la data di spedizione.

Sotto vedete alcune immagini del nuovo modello telematico. Se volete avere una visione più chiara, potete fare clik sulle immagini e scorrere avanti o indietro, col cursore.

Come vengono pagate le imposte in autoliquidazione

Il pagamento delle imposte in autoliquidazione, quali imposta ipotecaria, imposta catastale, imposta di bollo, tassa ipotecaria e tributi speciali, avviene con addebito sul conto corrente. Per questo motivo in fase di dichiarazione di successione telematica, si dovrà comunicare il codice IBAN, dal quale verrà prelevato l’ importo.

Se invece la dichiarazione di successione viene presentata direttamente presso gli uffici dell’ agenzia delle entrate il pagamento potrà essere fatto attraverso il modello F24, cosi come previsto dal provvedimento del direttore dell’ agenzia delle entrate del 17 marzo 2016. Quindi il vecchio modello F23, non potrà più essere utilizzato in nessun caso, per quanto riguarda il pagamento delle imposte di successione.

Le ricevute rilasciate dal sistema telematico

Una volta che abbiamo provveduto ad inviare la dichiarazione di successione telematica, l’ agenzia delle entrate verificherà tutti i vari files inviati, i pagamenti effettuati e la regolarità dell’ invio. Dopo di che se tutto ok, trasmetterà apposita ricevuta, con la quale si attesterà l’ avvenuta ricezione della documentazione. In seguito l’ agenzia finanziaria verificherà la regolarità di tutta la documentazione inviata.

Se i controlli saranno tutti positivi, una copia della dichiarazione di successione verrà resa disponibile, per il contribuente, nel proprio cassetto fiscale. Se invece dal controllo si verificherà la non regolarità della documentazione, l’ agenzia delle entrate inviterà il contribuente alla regolarizzazione.

Se hai qualche dubbio, o vuoi lasciare un segno del tuo passaggio, lasciami un commento…grazie! Inoltre, se la pagina ti è piaciuta e vuoi sostenermi, fai clik sul pulsante +1 che vedi sotto….grazie!